Servizi sociali e divieto di subappalto: per il TAR toscano si può fare

Tipologia
Notizia
Data
31/03/2020

Un bando di gara concernente l’affidamento di servizi sociali prevedeva il divieto di subappalto.

Secondo la ricorrente il divieto è illegittimo, in quanto “lo Stato italiano è stato sottoposto a procedura di infrazione da parte della Commissione europea in ragione delle molteplici violazioni delle direttive comunitarie sul subappalto“.

Tar Toscana, sez. III, 28 marzo 2020, n. 371 ritiene il rilievo infondato.

“L’art. 142 del d.lgs. n. 50/2016, nel richiamare le disposizioni del codice dei contratti pubblici la cui applicazione si estende agli appalti dei servizi sociali e sanitari, non opera alcun richiamo alla disciplina del subappalto (cioè all’art. 105).

Pertanto, per tale tipologia di appalti e in considerazione della loro specificità, in forza del citato art. 142 rientra nella piena facoltà della stazione appaltante la scelta di escludere la possibilità del ricorso al subappalto.

Ciò è coerente con la direttiva 2014/23/UE, il cui art. 19, nel disciplinare con disposizione di rinvio la concessione di servizi sociali e sanitari, non richiama l’art. 42, contenente la disciplina del subappalto, ed è anche coerente con la direttiva 2014/24/UE, il cui art. 74, nel disciplinare con disposizione di rinvio gli appalti pubblici di servizi sociali e sanitari, non richiama l’art. 71, riguardante il subappalto”.

A cura di giurisprudenzappalti.it del 28.03.2020 - autore Elvis Cavalleri

Allegati:


Loading...