L’avvalimento tecnico-operativo non può essere generico!

Tipologia
Notizia
Data
05/04/2022

In caso di avvalimento tecnico-operativo formule secondo cui l’impresa ausiliaria si impegna a mettere a disposizione  “il proprio know-how, la propria esperienza specifica nel settore impiantistico e la propria supervisione alle attività a farsi mediante la propria struttura tecnica congiuntamente a quella dell’ausiliato” sono generiche e non danno sufficiente concretezza all’impegno assunto.

Questa volta è Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, 04/04/2022, n. 419 a ribadirlo, respingendo l’appello:

8.2. nel merito, la sentenza impugnata va confermata, sia pure con talune precisazioni;

prima di scrutinare in modo specifico il motivo di gravame di …., va rammentato che l’art. 89 del d.lgs. n. 50/2016 dispone che “l’operatore economico dimostra alla stazione appaltante che disporrà dei mezzi necessari mediante presentazione di una dichiarazione sottoscritta dall’impresa ausiliaria con cui quest’ultima si obbliga verso il concorrente e verso la stazione appaltante a mettere a disposizione per tutta la durata dell’appalto le risorse necessarie di cui è carente il concorrente… Il concorrente allega, altresì, alla domanda di partecipazione in originale o copia autentica il contratto in virtù del quale l’impresa ausiliaria si obbliga nei confronti del concorrente a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie per tutta la durata dell’appalto. A tal fine, il contratto di avvalimento contiene, a pena di nullità, la specificazione dei requisiti forniti e delle risorse messe a disposizione dall’impresa ausiliaria”;

inoltre, sulla base di un orientamento giurisprudenziale consolidato in materia, condiviso da questo Collegio (su cui v., di recente, “ex plurimis”, Cons. Stato, sez. III, n. 68 del 2021, sez. V, n. 1120 del 2020, p. 3., e n. 6551 del 2018, cui si rinvia anche ai sensi degli articoli 60, 74 e 88, comma 2, lett. d), c.p.a.), nel caso di avvalimento tecnico-operativo, avente a oggetto requisiti diversi rispetto a quelli di capacità economico-finanziaria, sussiste sempre l’esigenza di una concreta messa a disposizione di risorse specifiche, e specificamente indicate nel contratto, solo così potendo dirsi rispettata la regola posta dall’art. 89, comma 1, secondo periodo, d.lgs. n. 50 del 2016, nella parte in cui commina la nullità all’omessa specificazione dei requisiti e delle risorse messe a disposizione dalla impresa ausiliaria;

8.3.1. tanto chiarito in termini preliminari, e rammentato che, nel caso in esame, non è in contestazione che ci si trovi di fronte a una forma di avvalimento tecnico-operativo.. ………;

8.3.2. nondimeno, è con peculiare riguardo al p. 9. del contratto di avvalimento che il contenuto dell’impegno non soddisfa i requisiti di specificità richiesti, assumendo carattere all’evidenza generico. E’ cioè con riferimento al p. 9., là dove l’impresa ausiliaria si impegna a mettere a disposizione di ………. “il proprio know-how, la propria esperienza specifica nel settore impiantistico e la propria supervisione alle attività a farsi mediante la propria struttura tecnica congiuntamente a quella dell’ausiliato”, che trova conferma la tesi, propugnata da ……….. e accolta dal Tar, in un contesto in cui gli atti di gara richiedevano competenze professionali specialistiche e l’impiego di figure professionali altamente qualificate, della insufficiente specificazione delle risorse che la ausiliaria si impegna a mettere a disposizione, e che, ancora come si afferma in sentenza, con le conseguenze di nullità ivi indicate, non viene data sufficiente concretezza all’impegno assunto…

A cura di giurisprudenzappalti.it del 04/04/2022 di Roberto Donati

Allegati:


Loading...