LA CLAUSOLA SOCIALE E I PRINCIPI COMUNITARI DELLA CONCORRENZA

Tipologia
Notizia
Data
22/01/2018

Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la sentenza n. 272 del 17 gennaio 2018, si è pronunciato in merito all’applicazione della clausola sociale, in sede di offerta economica.

La stazione appaltante, nei confronti della società che si è classificata al primo posto, avvia il procedimento volto alla verifica di congruità dell'offerta, all'esito del quale ne dispone l'esclusione dalla gara per anomalia dell'offerta.
I Giudici di Palazzo Spada, facendo riferimento a un orientamento costante della giurisprudenza amministrativa, secondo il quale la clausola sociale deve essere interpretata conformemente ai principi nazionali e comunitari in materia di libertà di iniziativa imprenditoriale e di concorrenza, risultando altrimenti essa lesiva della concorrenza, scoraggiando la partecipazione alla gara e limitando ultroneamente la platea dei partecipanti, nonché atta a ledere la libertà d'impresa, riconosciuta e garantita dall'art. 41 Cost.

 

A cura di ASFEL del 22/01/2018

Allegati:


Loading...