AVCPASS E NUOVO CODICE DEGLI APPALTI. L'ANAC FORNISCE ULTERIORI CHIARIMENTI

Tipologia
Notizia
Data
14/05/2016

Deliberazione n. 157 del 17 febbraio 2016 – Regime transitorio dell’utilizzo del sistema AVCpass.

L’art. 81 comma 1 e 2 del nuovo Codice appalti  prevede che la documentazione comprovante il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-professionale ed economico e finanziario per la partecipazione alle gare è acquisita esclusivamente attraverso la  Banca dati nazionale degli operatori economici gestita dal Mit.

Con decreto del Mit saranno indicati:

  • i dati concernenti la partecipazione alle gare e il loro esito, in relazione ai quali è obbligatoria l’inclusione della documentazione nella Banca dati
  • i documenti diversi da quelli per i quali prevista l’inclusione e le modalità di presentazione
  • i termini e le regole tecniche per l’acquisizione, l’aggiornamento e la consultazione dei predetti dati
  • le modalità relative alla progressiva informatizzazione dei documenti necessari a comprovare i requisiti di partecipazione e l’assenza di cause di esclusione
  • i criteri e le modalità relative all’accesso e al funzionamento nonché all’interoperabilità tra le diverse banche dati coinvolte nel procedimento.

Tale disposizione è chiaramente volta a superare l’attuale sistema AVCpass gestito dall’Anac.

L’Anac, con il Comunicato del Presidente del 4 maggio 2016, ha chiarito che durante il regime transitorio (fino all’entrata in vigore del decreto previsto) la Deliberazione n. 157 del 17 febbraio 2016 è da ritenersi ancora in vigore e attuale, con la conseguenza che, fino alla data di entrata in vigore del  Decreto di cui al comma 2 dell’art. 81, l’utilizzo di AVCpass dovrà avvenire in conformità alle prescrizioni in essa contenute.

a cura di ANAC dell'11 Maggio 2016


Loading...