L'IMPRESA ESCLUSA E L'IMPUGNAZIONE DELL'ESITO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 570 del 26 gennaio 2018, si è pronunciato in tema di impugnativa dell’esito di gara da parte di un concorrente escluso nelle fasi precedenti.

I Giudici di Palazzo Spada ritengono inammissibile, per difetto di legittimazione, l’impugnativa dell’impresa che sia stata legittimamente esclusa dalla gara, in quanto l’impresa, per effetto dell’esclusione, rimane priva sia del titolo a partecipare alla gara, sia di contestare gli esiti e la legittimità della scansioni procedimentali, dovendo il suo interesse protetto essere qualificato quale interesse di “mero fatto”, non dissimile da quello di qualsiasi operatore del settore che, non avendo partecipato alla gara, non ha titolo ad impugnarne gli atti.

 

A cura di ASFEL del 21/02/2018

Vuoi leggere altri contenuti come questo?

Iscriviti alla newsetter!

Ogni Lunedì riceverai notizie e approfondimenti dal mondo del public procurement, contratti e appalti pubblici direttamente nella tua casella e-mail

Vuoi leggere altri contenuti come questo?

Iscriviti alla newsetter!

Ogni Lunedì riceverai notizie e approfondimenti dal mondo del public procurement, contratti e appalti pubblici direttamente nella tua casella e-mail

Iscriviti Ora


Loading...