LA VERIFICA DELL'ANOMALIA DELL'OFFERTA

Tipologia
Notizia
Data
31/05/2017

Il Tar, Roma, con la sentenza n. 5979 del 19 maggio scorso è intervenuto in tema di verifica di anomalia dell’offerta, convocazione in audizione dell’offerente prima di disporre l’esclusione  e dell’obbligo procedimentale da parte della Stazione appaltante.

L’intervento ha riguardato, inoltre, la mancata o tardiva produzione delle giustificazioni o dei chiarimenti e la sindacabilità del giudizio della Stazione appaltante, il tutto ai sensi dell’articolo 97 del codice dei contratti. Nella pronuncia in epigrafe il Giudice amministrativo capitolino ha precisato quanto segue:
In seguito all’entrata in vigore del nuovo codice degli appalti (decreto legislativo n. 50 del 2016), l’obbligo procedimentale di convocazione dell’offerente, in audizione, nell’ambito del giudizio di anomalia – prima in effetti previsto, al ricorrere di determinati presupposti, dall’art. 88, comma 4, del decreto legislativo n. 163 del 2006 – non è più altrimenti contemplato in seno all’art. 97 del predetto nuovo codice.

 

A cura di ASFEL del 30/05/2017

Allegati:


Loading...