Trenta mln per i borghi storici

Tipologia
Notizia
Data
13/03/2020

Contributo fino al 100% della spesa nell'avviso pubblico che è mirato al Sud Italia

È operativo l'avviso pubblico relativo alla selezione di interventi finalizzati alla riqualificazione e valorizzazione turistico-culturale dei comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Il bando, pubblicato dal ministero per i beni e le attività e culturali e per il turismo, attua il programma di azione e coesione complementare al Pon cultura e sviluppo (Fesr) 2014-2020 e il piano operativo cultura e turismo (Fsc) 2014-2020. La dotazione di 30 milioni di euro è destinata a sostenere interventi per il rafforzamento dell'attrattività dei borghi e dei centri storici di piccola e media dimensione, attraverso il restauro e recupero di spazi urbani, edifici storici o culturali, nonché elementi distintivi del carattere identitario. L'intervento mira altresì a sostenere progetti innovativi di sviluppo turistico che favoriscano processi di crescita socio-economica nei territori beneficiari, anche al fine di promuovere processi imprenditoriali che ne accrescano l'occupazione e l'attrattività.
Destinatari i piccoli comuni

Possono accedere al bando i comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con una popolazione residente, relativamente ai dati Istat al 31 dicembre 2018, fino a 5 mila abitanti, ovvero fino a 10 mila abitanti che abbiano individuato il centro storico quale zona territoriale omogenea ai sensi del decreto ministeriale n. 1444/1968.

Interventi ammissibili

Il progetto da finanziare può riguardare il recupero e adeguamento funzionale, strutturale e impiantistico di immobili e/o spazi pubblici, nonché la realizzazione di percorsi ciclabili e/o pedonali per la connessione e la fruizione dei luoghi di interesse turistico-culturale quali musei, monumenti, siti Unesco, biblioteche, aree archeologiche e altre attrattive culturali, religiose, artistiche. Sono ammessi anche interventi di erogazione dei servizi di informazione e comunicazione per l'accoglienza, quali info point e visitor center, volti a favorire la fruizione del patrimonio culturale tangibile e intangibile, anche attraverso tecnologie avanzate e strumenti innovativi quali prodotti editoriali e multimediali, portali informativi, pannelli interattivi, audioguide e realtà aumentata. Il progetto può contenere anche interventi di valorizzazione e ampliamento dell'offerta culturale, attraverso la realizzazione di attività e servizi artistici in luoghi potenzialmente interessanti sotto il profilo turistico. Inoltre, sarà finanziabile la realizzazione e promozione di itinerari culturali, tematici, percorsi storici e visite guidate, anche attraverso il restauro e l'apertura al pubblico di siti. Il contributo sostiene la valorizzazione di saperi e tecniche locali anche attraverso attività esperienziali aventi ad oggetto gli elementi simbolici del carattere identitario dei luoghi. Infine, saranno oggetto di contributo anche i progetti per il miglioramento dell'accessibilità e della mobilità nei territori. Le spese ammissibili riguardano servizi e forniture, lavori edili, strutturali e impiantistici, collaboratori e consulenti, spese generali, servizi di architettura e ingegneria per la progettazione degli interventi, nonché servizi per la pianificazione economico-finanziaria e gestionale.

Contributo fino al 100% della spesa

Il finanziamento, non cumulabile con altri finanziamenti pubblici, nazionali, regionali o comunitari, è concesso nella forma del contributo a fondo perduto, pari al 100% delle spese ammissibili. Il contributo massimo concedibile per beneficiario è di un milione di euro, Iva compresa.

Scadenza al 13 aprile 2020

Ogni comune potrà presentare una sola domanda di finanziamento, da trasmettere entro 13 aprile 2020 esclusivamente all'indirizzo di posta elettronica certificata mibac-sg.servizio2@mailcert.beniculturali.it.

Nell'oggetto dovrà essere indicata la dicitura: «mibact – interventi di riqualificazione e valorizzazione turistico-culturale dei comuni – domanda di finanziamento».

A cura di ITALIAOGGI - NUMERO 061 PAG. 37 DEL 13/03/2020

 


Loading...