Soglie Europee Appalti: dal 2020 si cambia, si abbasseranno

Tipologia
Notizia
Data
04/11/2019

Soglie Europee Appalti: dal 2020 si cambia. A cambiare le soglie comunitarie, consentendo per la prima volta il loro abbassamento sono due Regolamenti Europei.

Si tratta, nello specifico, dei regolamenti 1828 e 1829 dell’Unione Europea.

Cosa cambia nello specifico?

Quali saranno le nuove soglie a partire dall’anno prossimo?

Soglie Europee Appalti 2020

Le due direttive sopra citate modificano le soglie degli appalti di forniture, servizi e lavori e i concorsi di progettazione.

Per gli appalti di servizi e forniture, in cui rientrano le gare per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, banditi dalle autorità governative centrali, la soglia europea scende da 144mila euro a 139mila euro.

La soglia passa da 221mila euro a 214mila euro per gli appalti di servizi e forniture aggiudicati da amministrazioni che non sono autorità governative centrali. Si tratta della maggior parte dei casi in cui ricadono le gare di progettazione.

Per l’affidamento degli appalti di lavori, la soglia europea si abbassa da 5.548.000 euro 5.350.000 euro. Il limite è lo stesso sia per i settori ordinari sia per quelli speciali e per le concessioni.

A che cosa servono le soglie comunitarie?

Le soglie di rilevanza comunitaria sono classi di valore suddivisi per lavori, servizi e forniture che in funzione del loro importo, possono avere un valido interesse a livello comunitario.

Nel caso in cui il valore del contratto rientra nella classe di “rilevanza comunitaria”, l’ente appaltante deve seguire una procedura conforme alle direttive europee sugli appalti pubblici in tema di pubblicità e concorrenza.

La norma cui fare riferimento è l’art. 35 del decreto legislativo 50 del 18 aprile 2016 (codice dei contratti pubblici) che potrai leggere in fondo alla pagina, con la tabella valori delle soglie di rilevanza comunitaria suddivisi per lavori, servizi e forniture.

A cura di redazione lentepubblica.it del 04/11/2019


Loading...