Gare in più lotti, limiti all'aggiudicazione

Tipologia
Notizia
Data
15/05/2020

Sono legittime sia la previsione di un limite all' aggiudicazione di più lotti di una singola gara, sia l' obbligo di partecipazione nella stessa forma giuridica. È quanto ha precisato il Consiglio di stato, terza sezione, con la pronuncia n. 2865 del 6 maggio 2020 in merito ad una gara nella quale era stato posto il vincolo di partecipazione ai diversi lotti nella stessa forma e composizione e un limite ai lotti aggiudicabili. L' Autorità premette che la limitazione di un numero massimo di lotti aggiudicabili al medesimo offerente risponde a ragioni di tutela della libertà d' iniziativa economica e di concorrenza da indebite rendite oligopolistiche che postulano la suddivisione dei contratti in più lotti.

Legittima è anche la previsione che le offerte per più lotti messi a gara debbano essere presentate nella medesima forma individuale o associata e, in caso di raggruppamento, con la medesima composizione, perché assicura, da un lato, la correttezza e genuinità, e quindi la piena concorrenzialità fra loro, delle offerte riferite ad un' unica gara e, dall' altro, la univocità e serietà dell' impegno contrattuale assunto dai partecipanti alla medesima gara in sede di esecuzione dei singoli adempimenti contrattuali riferiti ai diversi lotti.

Anche in questo caso di tratta di limitazione legittima e che non reca pregiudizio all' autonomia privata dei concorrenti. Infatti, si legge nella delibera, non si tratta di una gara ad oggetto plurimo suddiviso in lotti di diverso contenuto caratterizzati da una propria autonomia (gestibili in modo diverso dalle imprese aggiudicatarie), ma di una gara unitaria rivolta alla fornitura di un medesimo servizio in aree territoriali diverse, con conseguente articolazione in lotti che prelude a un sistema di gestione unitario della commessa.

Tali caratteristiche fanno dire all' Autorità che è legittima non solo la limitazione del numero massimo di lotti attribuibili allo stesso partecipante (in un' ottica proconcorrenziale), bensì anche il vincolo di partecipazione ai diversi lotti nella stessa forma e composizione, in quanto volto a garantire sia la corretta competizione fra le offerte riferite ai diversi lotti, sia la piena ed univoca responsabilità dei vincitori per l' adempimento delle specifiche obbligazioni nascenti dalla medesima gara in relazione ai diversi lotti.

A cura di Italia Oggi pag. 40 del 15/05/2020

Allegati:


Loading...