CPO Rules: l'eProcurement delle aziende italiane

Tipologia
Notizia
Data
23/06/2020

Serviva il lockdown a far arrivare in modo dirompente e costruttivo anche in Italia la rivoluzione digitale. Con una rapidità impressionante, pur di rimanere in produzione le aziende italiane sono riuscite a implementare i propri servizi digitali in modo importante.

Se si pensa all'e-Procurement si pensa agli appalti pubblici ma da tempo oramai ad utilizzare sistemi in grado di snellire gli uffici acquisti sono tantissime aziende e PMI italiane alle prese con la digitalizzazione. Ad oggi, in Italia tutte le realtà produttive hanno necessità di risparmiare ed ottimizzare le risorse, per questo motivo moltissime realtà hanno scelto CPO Rules piattaforma di e-procurement.

CPO Rules nasce da una idea tutta italiana: Studio Amica, società italiana già nota per aver lanciato sul mercato la piattaforma di e-procurement per la PA, TuttoGare.

Ad oggi, possiamo ben dire che la digitalizzazione è diventato un fenomeno dirompente, infatti, nel recente convegno online “Digitalizzare per (r)esistere”, l’Osservatorio Digital B2B della School of Management del Politecnico di Milano ha presentato interessanti dati sul fenomeno italiano.

  • La fatturazione elettronica, obbligatoria tra privati dal gennaio 2019 è la soluzione Digital B2B più diffusa. Basta pensare che nell'ultimo anno sono state generate dai più svariati sistemi digitali ed applicativi 2,09 miliardi di fatture elettroniche e tutte queste sono transitate attraverso il Sistema di Interscambio (SdI). A generarle sono state il 78% delle imprese italiane. Il 55% è destinato a soggetti privati (B2B), il 44% a consumatori finali (B2C).
  • La digitalizzazione è gradita da buona parte delle PMI italiane. Nascono poi interessanti aziende capaci di offrire soluzioni per la digitalizzazione in particolare per quanto concerne i processi B2B, tra di esse, emerge nello studio, l’11% è un B2B Integrator (fornitori di soluzioni per lo scambio strutturato di dati del ciclo dell’ordine), un altro 11% è un System Integrator specializzato nella creazione di strutture che facilitano la digitalizzazione dei processi, il 10% è un Business Process Outsourcing.

Economia e tempi rapidi: eProcurement, perché?

Risparmiare è diventato il leitmotiv di tutte le realtà produttive italiane: avere meno spese, ottimizzare i tempi, riuscire a produrre di più e meglio sembra essere la ricetta migliore per superare al meglio i prossimi sei mesi. In questa fase diventa importante cambiare il modo di fare acquisti all'interno delle aziende ed è per questo motivo che avere una risorsa digitale capace di rendere rapido e chiaro approvvigionamento diventa importante, è per questo motivo che il marketplace di CPO Rules, viene sviluppato come un facile ed intuitivo e-commerce. La piattaforma si può acquistare a prezzi pre-negoziati, si possono creare diversi account e si possono ottimizzare persino i contratti di fornitura in modo da ridurre di parecchio le spese. Ridurre i costi è fondamentale e grazie all'eProcurement questo diventa fattivo. Si riducono anche i tempi di tutte le attività: scouting più rapido, fatturazione elettronica pressoché immediata ed ovviamente tanto altro.

L'approvvigionamento elettronico diventa più semplice e rapido: il web e la digitalizzazione sono fondamentali, oggi l'eProcurement è diventato uno strumento importante che chiunque lavori in un ufficio acquisti deve saper utilizzare infatti gli applicativi vengono usati tra aziende e aziende (eCommerce B2B o Business to Business), tra aziende e privati (eCommerce B2C o Business to Consumer) o tra aziende e istituzioni pubbliche (B2G o Business to Government), quest'ultimo sistema di aste è diventato obbligatorio ed è normato da diversi testi di legge.

Come funziona l'eProcurement

I processi di approvvigionamento dei beni e sei servizi sono azioni che possono essere dispendiose, se ben gestite, invece, riescono a far ottenere ottimi risparmi: per questo motivo è fondamentale avere un ottimo applicativo a disposizione dell'ufficio acquisti.

Nel campo della digitalizzazione di impresa l'eProcurement viene spesso usato esclusivamente nel settore B2B, si tratta infatti di un rapporto tra aziende: si tratta di una soluzione digitale, rapida, veloce e snella indicata anche come electronic procurement.

La digitalizzazione d'azienda è anche questo gestire i flussi di lavoro in modo differente, spesso, in particolar modo per quanto riguarda il back office i processi possono essere progettati in modo più efficiente con l’aiuto di soluzioni digitali ed è qui che devono entrare in gioco piattaforme interessanti come CPO Rules.

 

Fonte: ItaliaOggi del 22.06.2020

Allegati:


Loading...