Rito accelerato addio

Tipologia
Notizia
Data
23/05/2019

Il rito superaccelerato nelle cause sugli appalti davanti al giudice amministrativo è abrogato nelle controversie in cui il ricorso introduttivo è notificato - e non depositato - dopo il 19 aprile scorso, data di entrata in vigore del decreto Sbloccacantieri: così va interpretata la norma transitoria contenuta nell' articolo 1, comma quarto, del dl 32/2019.

E ciò perché contano gli effetti che sul piano sostanziale e processuale scaturiscono dalla notifica, al di là del momento in cui si determina la litispendenza. L' interpretazione contraria finirebbe per legittimare un' interpretazione retroattiva che lo stesso dato testuale della disposizione «sembra ragionevolmente escludere». È quanto emerge dalla sentenza 324/19, pubblicata il 13 maggio dal Tar di Reggio Calabria.
Ipotesi di sopravvivenza. Nel caso di specie continua a valere la norma ex articolo 120, comma 2 bis, Cpa cancellata dallo Sbloccacantieri: il punto è che il ricorso introduttivo risulta notificato il 12 aprile, prima che entrasse in vigore il decreto legge 32/2019. Alle controversie successive torna invece ad applicarsi il rito speciale introdotto con l' entrata in vigore del codice del processo amministrativo.
Che vale dunque in due ipotesi: per i ricorsi contro i provvedimenti che determinano l' esclusione dalla procedura di affidamento, con un danno autonomo e immediato alla parte privata; per quelli contro i provvedimenti che determinano le ammissioni altrui; l' impugnazione torna a essere posticipata al momento dell' aggiudicazione definitiva oppure a quando diventa concreto e attuale l' interesse a ricorrere del concorrente rimasto insoddisfatto dell' esito della gara.
Scelta irrituale. Nessun dubbio sulla lettura della norma transitoria, per cui l' abrogazione si applica «ai processi iniziati dopo l' entrata in vigore» del decreto, mentre di solito in tema di appalti il riferimento temporale è il momento dell' avvio per la procedura di affidamento, la pubblicazione del bando di gara o la spedizione dell' invito. Dalla notifica scaturiscono la definitività della scelta del rito e la fissazione per legge dell' udienza camerale per l' eventuale trattazione nei termini dimezzati ex articolo 119 Cpa che decorrono proprio da quella data.

 

A cura di Italia Oggi del 23.05.2019 pag. 32 - autore DARIO FERRARA


Loading...