Casellario Anac per falsa dichiarazione o falsa documentazione: va provata la colpa grave

Tipologia
Notizia
Data
04/04/2019

Perché l' Anac disponga l' iscrizione di una vicenda nel casellario informatico occorre che essa motivi in ordine alla ricorrenza, quanto meno, della colpa grave dell' operatore economico. Lo stabilisce il Tar Lazio - Roma, Sezione I, n. 2658/2019 .

Il caso Il ricorrente impugna la sanzione disposta dall' Anac per non aver dichiarato nell' ambito di una procedura di gara l' intervenuta risoluzione di un precedente contratto di appalto di servizi. La stazione appaltante aveva segnalato l' omessa dichiarazione all' Autorità nazionale anticorruzione la quale in applicazione della disposizione prevista dall' articolo 80, comma 12, del Dlgs 50 del 2016 ha ritenuto che si trattasse di una dichiarazione falsa ed ha comminato all' impresa la sanzione pecuniaria di 1.000 euro, disponendo anche l' interdizione della stessa per trenta giorni dalla partecipazione alle gare, dall' affidamento di subappalti e dalla stipula di contratti pubblici e l' iscrizione di specifica annotazione nel casellario informatico degli operatori economici dei contratti pubblici relativo a lavori, servizi e forniture. Il Giudice amministrativo tuttavia ha annullato la sanzione perché l' Anac, nel caso di specie, non ha compiuto alcun accertamento in ordine al requisito della colpa grave che invece è prescritto quale elemento della fattispecie sanzionatoria. La decisione La questione giuridica affrontata dal Tar Lazio riguarda l' interpretazione del comma 12 dell' articolo 80, del Codice degli appalti, il quale stabilisce che «In caso di presentazione di falsa dichiarazione o falsa documentazione, nelle procedure di gara e negli affidamenti di subappalto, la stazione appaltante ne dà segnalazione all' Autorità che, se ritiene che siano state rese con dolo o colpa grave in considerazione della rilevanza o della gravità dei fatti oggetto della falsa dichiarazione o della presentazione di falsa documentazione, dispone l' iscrizione nel casellario informatico ai fini dell' esclusione dalle procedure di gara e dagli affidamenti di subappalto ai sensi del comma 1 fino a due anni, decorso il quale l' iscrizione è cancellata e perde comunque efficacia». Il Giudice amministrativo, con la sentenza in esame, chiarisce che per l' iscrizione di una vicenda nel casellario informatico occorre che l' Anac motivi in ordine alla ricorrenza, quanto meno, della colpa grave dell' operatore economico. Il Tar Lazio distingue la fattispecie prevista dall' articolo 80, comma 5, del Dlgs 50 del 2016 dalla diversa fattispecie prevista dal comma 12 dello stesso articolo. Mentre la disposizione del comma 5 rimette in capo alla stazione appaltante il potere di disporre l' esclusione dell' operatore economico se colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità, il comma 12 prevede un vero e proprio procedimento finalizzato alla applicazione della sanzione della iscrizione nel casellario Anac che impone all' Autorità Anticorruzione di accertare se la dichiarazione dell' operatore economico sia stata resa con dolo o colpa grave. Appare chiaro come l' esclusione dalla gara e l' annotazione nel casellario informatico, pur potendo originare da una medesima vicenda fattuale, hanno presupposti non perfettamente coincidenti, atteso che, mentre la stazione appaltante dispone l' esclusione dimostrando 'con ogni mezzo' l' illecito professionale pregresso e la non veridicità delle informazioni fornite (potere a cui corrisponde un articolato onere dichiarativo dell' operatore economico, sanzionabile con l' esclusione anche per 'negligenza', finanche omissiva), perché l' Anac disponga l' iscrizione di una vicenda nel casellario informatico occorre l' accertamento dell' elemento soggettivo almeno della colpa grave con motivazione idonea a supportare le misure sanzionatorie adottata.

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 04/04/2019 – autore GIOVANNI F. NICODEMO


Loading...