Il responsabile unico del procedimento può escludere l'appaltatore ma non aggiudicare la gara

Tipologia
Notizia
Data
18/03/2019

Il Tar Campania, Napoli, sezione III, con la sentenza n. 467/2019 , ha confermato che, nell' ambito del procedimento amministrativo contrattuale, i provvedimenti intermedi ovvero le ammissioni e le esclusioni sono di competenza del responsabile unico del procedimento e non della commissione di gara o del seggio di gara.

L' approdo si giustifica in base allo stesso dettato letterale dell' articolo 31 del codice dei contratti che assegna al Rup il ruolo centrale (di dominus) nello svolgimento del procedimento amministrativo La vicenda Al giudice campano si è posta la problematica di chiarire - in relazione a un provvedimento di esclusione - se l' atto che il ricorrente avrebbe dovuto impugnare era quello del seggio di gara (che rimandava il verbale dell' esclusione al Rup per i provvedimenti di competenza) o l' atto adottato dal responsabile unico della procedura. La conclusione del giudice - in coerenza con l' orientamento giurisprudenziale costante - è che l' impugnazione avrebbe dovuto essere rivolta verso l' atto effettivamente lesivo ovvero il provvedimento adottato (e di competenza) del Rup. Nella decisione si precisa che la lesione del bene giuridico cui tende il «concorrente escluso in sede di gara per mancanza dei requisiti partecipativi deve ritenersi posticipata all' adozione dell' atto conclusivo del segmento procedimentale» con cui si verifica il «possesso dei requisiti dei candidati, con cui, a seguito dell' ulteriore controllo del RUP sulla regolarità dell' operato svolto dalla Commissione di gara, viene definitivamente decretata l' estromissione dalla gara dei concorrenti risultati privi dei requisiti richiesti ed approvato l' elenco delle imprese ammesse a partecipare al confronto concorrenziale, assoggettato all' avviso di trasparenza di cui all' art. 29, comma 1, D.lgs. 50/2016». La decisione L' atto realmente lesivo, pertanto, è quello del responsabile unico del procedimento quale unico soggetto competente ad adottare i provvedimenti in argomento. Secondo il giudice (e la stessa giurisprudenza che si è espressa sul tema) il Rup è il motore della procedura di gara. In questo senso, lo stesso articolo 31, comma 3, del codice dei contratti «assegna una competenza di natura residuale, nella quale rientra una generale funzione di coordinamento e controllo delle procedure di gara, nonché il compito di adottare le decisioni conseguenti alle valutazioni effettuate ed a formalizzare all' esterno gli atti della procedura (cfr. Tar Veneto, Venezia, sez. I, 27 giugno 2018, n. 695)». Competenza «che si estende () anche all' adozione dei provvedimenti di esclusione delle partecipanti alla gara, secondo un orientamento che il Consiglio di Stato ha definito "pacifico" (cfr. Cons. Stato, sez. III, 19 giugno 2017, n. 2983 e giurisprudenza ivi richiamata)». Sul punto viene richiamata anche l' interpretazione dello stesso Consiglio di Stato che in sede di parere del 25 settembre 2017 n. 2040, reso sullo schema delle linee guida Anac n. 3 (dedicate al Rup) adeguato al decreto correttivo, ha puntualizzato che «anche dopo l' intervento correttivo recato dal decreto legislativo 19 aprile 2017, n. 56 resta confermata l' assoluta centralità del ruolo del RUP nell' ambito dell' intero ciclo dell' appalto, nonché le cruciali funzioni di garanzia, di trasparenza e di efficacia dell' azione amministrativa che ne ispirano la disciplina codicistica». Il responsabile unico, invece, salvo che coincida con il dirigente/responsabile del servizio, non può adottare l' atto definivo della procedura (pur eventuale) ovvero l' aggiudicazione neppure se, in questo senso, dovesse essere delegato dal proprio responsabile di servizio. In questo senso, in giurisprudenza si è chiarito che neanche la delega formale, dal dirigente/responsabile di servizio al responsabile unico in materia di svolgimento di procedure di gara - e quindi con il conferimento di poteri di indire e svolgere delle gare in qualità di responsabile unico del procedimento - può esorbitare dai limiti prescritti dall' articolo 31 del codice che come visto limita l' azione allo svolgimento di compiti che non siano «specificatamente attribuiti ad altri organi o soggetti» (Tar Lazio, Roma, Sez. III, n. 11781/2018). L' aggiudicazione, evidentemente, così come il potere di indire le gare compete al dirigente/responsabile del servizio. 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 18/03/2019 – autore Stefano Usai 

 


Loading...