Per il parere di precontenzioso all'Anac bisogna informare tutti gli interessati

Tipologia
Notizia
Data
05/02/2019

La stazione appaltante o l' operatore economico che richiede un parere di precontenzioso all' Anac è obbligato a dare comunicazione della presentazione dell' istanza a tutti i soggetti interessati alla questione.

L' Autorità nazionale anticorruzione ha approvato il nuovo regolamento in materia di pareri richiesti in relazione alla soluzione di controversie emerse nelle procedure di gara, nell' ambito del quale ha introdotto alcune soluzioni semplificative. Obbligo comunicativo Una delle più significative è proprio l' introduzione dell' obbligo comunicativo sulla presentazione dell' istanza da parte del soggetto che richiede il parere nei confronti di tutti gli altri interessati: qualora la comunicazione non sia effettuata, la richiesta è improcedibile. L' Anac, che in base all' articolo 211 del codice dei contratti deve rendere il parere entro trenta giorni dalla ricezione della richiesta, chiarisce che sono inammissibili le istanze dirette a far valere l' illegittimità di un atto della procedura di gara autonomamente impugnabile, rispetto al quale siano già decorsi i termini di impugnazione in sede giurisdizionale. In aderenza all' articolo 211 del codice, le nuove disposizioni attuative specificano in dettaglio le modalità di presentazione dell' istanza sia da parte di un singolo soggetto (la stazione appaltante o un operatore economico concorrente alla gara), sia in forma congiunta. Procedure semplificate Il regolamento propone anche alcune disposizioni volte a ottimizzare la resa dei pareri per le gare di minore complessità, introducendo una procedura semplificata e una motivazione sintetica nei casi in cui la questione oggetto dell' istanza riguardi una gara il cui valore sia di importo inferiore alla soglia comunitaria per servizi e forniture e inferiore a 1.000.000 euro per i lavori, nonché qualora appaia di pacifica risoluzione tenuto conto, in particolare, di precedenti pronunce sull' argomento. Il parere può essere rilasciato dall' Anac, in forma semplificata, anche con mero rinvio a precedenti pareri già adottati, nel caso di pareri non vincolanti, in appalti sopra soglia, o in caso di pareri vincolanti, ove gli stessi siano di pacifica risoluzione (articolo 11, comma 5). Le nuove regole saranno applicate anche alle richieste di parere per le quali, presentate prima dell' entrata in vigore del regolamento (10 febbraio), non sia stato ancora avviato il procedimento, sempre che ne ricorrano i requisiti in base ai nuovi presupposti. 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 05/02/2019 - autore ALBERTO BARBIERO


Loading...