Gare per contratti misti, serve l'attestazione Soa

Tipologia
Notizia
Data
28/09/2018

In un contratto misto di manutenzione di immobili è necessaria l' attestazione Soa per partecipare alla gara anche se i lavori hanno carattere accessorio rispetto alle altre prestazioni (servizi e forniture), a condizione che gli interventi determino un quid novi.

È quanto ha precisato l' Anac con la deliberazione del 5 settembre 2018 n.756, affrontando una fattispecie inerente all' affidamento di un contratto di manutenzione di immobili avente ad oggetto sia servizi che lavori (nella specie, opere straordinarie di manutenzione) qualificato come appalto di servizi, senza richiesta di attestazione Soa, società organismo di attestazione. L' Autorità, in premessa, ha ricordato come la tipologia dei requisiti da richiedere ai fini della partecipazione va valutata con riferimento alle attività oggetto del contratto. In caso di contratto misto, nel quale coesistono due o più tipi di prestazioni, l' operatore economico deve possedere i requisiti di qualificazione e capacità prescritti dal dlgs n. 50/2016 per ciascuna prestazione di lavori, servizi, forniture prevista dal contratto. È quanto prevede in particolare, l' articolo 28, comma 1, del codice dei contratti pubblici. Venendo al caso di appalti per l' affidamento della manutenzione degli immobili, il parere Anac rammenta che nelle linee guida sull' affidamento dei servizi di manutenzione degli immobili (Determinazione n.7 del 28 aprile 2015) era stato recepito l' orientamento di giurisprudenza e della stessa Autorità per cui «qualora tra le prestazioni del bando siano previste, sia pure a carattere accessorio, attività qualificate come lavori, il concorrente deve possedere, oltre ai requisiti previsti per i servizi, anche la qualificazione per i lavori per la categoria e l' importo corrispondente alle lavorazioni oggetto dell' appalto». In passato, infatti, la distinzione tra servizi (di manutenzione) e lavori (di manutenzione) è stata oggetto di una intensa attività interpretativa con la conseguenza che, ha detto l' Anac, «il concetto di manutenzione rientra nell' ambito dei lavori pubblici qualora l' attività dell' appaltatore comporti un' azione prevalente ed essenziale di modificazione della realtà fisica (c.d. quid novi) che prevede l' utilizzazione, la manipolazione e l' installazione di materiali aggiuntivi e sostitutivi non inconsistenti sul piano strutturale e funzionale». Se invece viceversa, tali azioni non si traducono in una essenziale o significativa modificazione dello stato fisico del bene, l' attività si configura come prestazione di servizi. Nel caso specifico, la stazione appaltante da un lato (capitolato descrittivo e prestazionale) ha genericamente riconosciuto la natura mista del contratto (lavori a titolo accessorio) e dall' altro (bando e disciplinare) non ha richiesto i relativi requisiti di partecipazione. Per l' Anac è quindi mancata un' analisi sul quid novi: avrebbe dovuto identificare in modo preciso la natura, le caratteristiche e l' importo delle varie lavorazioni, in modo tale da commisurare la qualificazione da richiedere ai fini della partecipazione all' effettiva entità degli interventi da realizzare. E da questa analisi emerge che occorreva l' attestazione Soa.

 

A cura di Italia Oggi del 28/09/2018 pag. 38


Loading...