Accesso agli atti anche se il termine è spirato

Tipologia
Notizia
Data
10/04/2017

Nella gara d' appalto si può chiedere l' accesso ai documenti sui requisiti soggettivi anche se è spirato il termine per impugnare l' ammissione dell' aggiudicataria provvisoria.

Lo ha sancito il Tar Lazio con la sentenza n. 3971 del 28 marzo 2017. La seconda classificata non aveva potuto visionare il carteggio dei verbali e delle offerte. L' accesso era stato in parte differito (offerte economiche e tecniche) fino all' aggiudicazione definitiva e in parte definitivamente negato (busta A), in assenza del ricorso entro il termine (30 giorni) del rito superaccelerato.
Il collegio ha bacchettato la p.a. valutando insufficiente il fatto che non fosse stata presentata l' impugnativa, anche perché non era precluso all' interessato di rivolgersi all' Anac per ottenere un parere di regolarità. I giudici hanno quindi rifiutato l' idea che «l' accesso alla documentazione amministrativa presentata in sede di gara goda di un regime diversificato in ragione del trascorrere del tempo nel senso cioè che, all' inizio, è accessibile mentre, una volta scaduto il termine di cui all' art. 120, comma 2-bis del cpa, diventa non più ostensibile fino a quando non sia stato adottato il provvedimento definitivo di aggiudicazione».
Quindi l' operatore economico può accedere alla busta A già nella fase iniziale della procedura selettiva (senza attendere cioè quella finale di aggiudicazione), mentre il differimento previsto dall' art. 53, comma 2, lett. c), dlgs n. 50 del 2016 è oramai limitato alle buste della proposta che contengono le offerte tecniche e economiche.

 

A cura di Italia Oggi del 10/04/2017 pag. V - autore Andrea Scotto


Loading...