SCUOLE, SISMA, DISSESTI: SÌ AD AFFIDAMENTI IN DEROGA

Tipologia
Notizia
Data
30/09/2016

L'Autorità Nazionale anticorruzione ha affermato che sono legittimi gli affidamenti di importo inferiore alla soglia comunitaria dei 5,2 milioni di euro di lavori disposti con somma urgenza e con procedura negoziata per l'edilizia scolastica, la prevenzione sismica e contro il dissesto idrogeologico.

Il chiarimento arriva in risposta al quesito presentato dalla Struttura di missione della Presidenza del Consiglio nel quale si chiedeva un parere sugli affidamenti in deroga al Codice dei contratti di cui all'articolo 9 del D.L. n. 133/2014.
La disposizione in commento prevede che la stessa ANAC effettui la verifica su questi appalti ed infatti nel febbraio del 2015 l'autorità aveva emanato un comunicato per disciplinare le modalità di verifica dei dati sugli affidamenti in deroga che le stazioni appaltanti devono inviare. Ma il recente quesito della Struttura di Missione era volto a verificare se le indicazioni dell'ANAC fossero legittime anche dopo l'entrata in vigore del Nuovo Codice dei contratti, il D.Lgs. n. 50/2016. In proposito, l'ANAC si esprime in senso favorevole, affermando che si tratta di normativa "vigente che coniuga alle esigenze di celerità, i principi cardine della normativa sui contratti pubblici".

 

a cura di Italia Oggi n. 232 del 30/09/2016 pag. 39 - Autore: Andrea Mascolini


Loading...